Sunday, March 10, 2013

Vacanza a Valletta info, foto Senglea, Vittoriosa (Cottonera) - Malta 3a parte


La Valletta, Malta - 2a parte


Diario e Foto di Viaggio

del 3° giorno 28-11-2011 - Alle 6:10 mi sposto dall'hotel. Il costo del biglietto "one day" feriale è stato di 2.60 euro. Alle 6:50 arrivo al terminal degli autobus vicino alla Fontana del Tritone, all'ingresso de La Valletta. L'operatore dei trasporti pubblici a Malta si chiama Arriva. L'autobus n° 14 mi porterà alla Cottonera le cui massicce linee di fortificazione inglobano le Tre Città: Cospicua (ma anche Città Cottonera - maltese Bormla), Senglea (maltese L-Isla), Vittoriosa (maltese Birgu) e Kalkara. [mappa]

moored sailboats on Grand Harbour Marina in Vittoriosa, on background skyline Senglea, Malta; The Three Fortified Cities of Cottonera are Vittoriosa, Senglea and Cospicua.
Scendo dall'autobus a Vittoriosa, la città dove originariamente risiedevano i Cavalieri di Malta prima che venisse costruita La Valletta, così denominata in seguito al successo ottenuto contro l'assedio turco del 1565, ma il mio vero obiettivo è la sponda illuminata di Senglea (3500 abitanti).

Mi si offre una visione caotica, una selva di alberi d'imbarcazioni da diporto alla fonda e sullo sfondo un impressionante agglomerato abitativo di tufo giallo.

water reflection of old warehouse in Senglea marina in front  Vittoriosa, Malta
Le due cittadine si sviluppano su due piccole penisole parallele che creano una profonda insenatura: passeggiando sul lungomare a sud-ovest di Vittoriosa, di fronte in parallelo si svolge quello a nord-est di Senglea.

Nella fotografia un antico ed in abbandono magazzino di Senglea. L'atmosfera, con l'eccezione della concentrazione di imbarcazioni da diporto nel Grand Harbour Marina, non è turistica come a Valletta.

moored sailboats and waterfront of Senglea marina in front Vittoriosa, Malta
Proseguo la passeggiata sulla banchina del Grand Harbour Marina di Vittoriosa e sulla sponda opposta di Senglea l'architettura si fa più elegante, le decorazioni barocche lasciano intuire la trascorsa rilevanza storica ed opulenza economica di questi siti.





traditional row boat moored in Senglea Marina, Malta
Nella foto una tipica barca a remi (maltese dghajsa - pronuncia die-sa ) in uso ai pescatori maltesi. La prua non ricorda un po' la gondola veneziana?

Un'altra barca da pesca tradizionale dell'isola di Malta è il luzzu, per entrambe si suppongono antichissime origini fenice.













luxury sailboat moored in Senglea Marina, on background  Valletta - Malta
Camminando sul lungomare di Vittoriosa supero il Casinò di Venezia, le imbarcazioni più lussuose le trovate ancorate quì vicino.

Nella foto uno yacht e sullo sfondo la cittadina di Senglea.






Old Valletta, capital city of Malta
Raggiunta l'estremità della penisola di Vittoriosa o Birgu ho di fronte l'affascinante mole di fortificazioni ed edifici in tufo della capitale Valletta.








watchtower and cruise ship in the Grand Harbour in Valletta, Malta
Nell'inquadratura della foto, l'attrazione più nota di Senglea, una torre di guardia (maltese il-gardjola - inglese watchtower) con grandi orecchie ed occhi scolpiti in bassorilievo che domina il Porto Grande ed una nave crociera.







The Malta Maritime Museum is housed within the Old Naval bakery in Vittoriosa, it drafts Malta’s maritime history which is tightly bound to Mediterranean Sea. The museum houses numerous artefacts highlighting different epochs, shaping Maltese seafaring trough paint, charts, evidence and sea technology evolution.
Ritorno sui miei passi passando davanti al Museo Marittimo (inglese Malta Maritime Museum - maltese Muzew Marittimu) e raggiunta la Porta del Grande Porto (inglese Grand Harbor Gate) mi addentro nel tessuto urbano di Vittoriosa.

Raggiunta l'estremità della penisola di Vittoriosa, da uno slargo si gode di una bella veduta sul pittoresco villaggio di Kalkara e sulla grande facciata della Chiesa di San Giuseppe (maltese San Guzepp Tal-knisja) che si affaccia sulla marina.

Purtroppo mi trovo in condizioni di luce sfavorevoli per cui annoto la posizione sul GPS e faccio uno scatto, più che altro un memo.





Nella foto un pittoresco e colorato ingresso di Vittoriosa. Un soggetto che non soffre delle mediocri condizioni di luminosità.

Raggiunta la marina di Kalkara faccio una pausa ed uno spuntino abbondante ma modesto come qualità.

Riposatomi, dalla marina proseguo costeggiando la penisola di Kalkara verso l'estremità.











L'area delle Tre Città fortificate della Cottonera non è assolutamente turistica e per le strade si svolge una quotidianità popolare; si percepisce una passato glorioso ma vi è anche un alto grado di abbandono e decadenza.







skyline of Valletta from Kalkara, in the foreground an old storage building constructed of sandstone blocks, Malta
Lungo la punta della penisola si trovano delle costruzioni che dovrebbero essere antichi depositi in parte scavati nella roccia tufacea e le volte costruite con blocchi di tufo a secco.








lift to the ex Royal Naval Hospital Bighi, Kalkara - Valletta
Mi incammino sulla strada del ritorno.

L'immagine riprende la torre dell'ascensore dell'Ospedale Militare Navale (inglese Bighi Royal Naval Hospital) concepito su motu proprio di Lord Nelson e costruito tra il 1829-1832 sull'impianto della Villa Bighi in stile neo-classico.



view on the bay of Kalkara Creek with St. Joseph Church, Malta
Ripasso dalla baia di Kalkara, proseguo costeggiando la penisola di Vittoriosa, arrivato all'estremità, dove si trova il Forte Sant'Angelo, prendo le scale che scendono alla riqualificata e bella passeggiata sul lungomare per andare a mangiare in un dei ristoranti: sono le 13:00.

A metà giornata le statistiche del GPS segnano 22 km comprensivi di trasferimenti con mezzi pubblici di superficie ed a piedi coperti in 6:30:00.

Il Ristorante Sottovento, Old Treasury Building Vittoriosa Marina, con i tavoli all'aperto coperti da un ampia tenda, non è quello che cercavo ovvero una locale frequentato da locali con una cucina popolare e non un'attrazione turistica in cui il culto per l'immagine ed il bon ton solitamente predominano sul cibo ed incidono sulla spesa. Il ristorante Sottovento è elegante sul moderno e minimalista. Chiedo di mangiare del pesce locale, un ben presentato ma insapore filetto di sea bream, piuttosto schiacciato quindi suppongo pagello e non orata, insalata, acqua grande e caffè. Il conto 17.70 euro in cui l'acqua ed il caffè hanno inciso per un 1/5 della spesa (l'acqua in bottiglia di vetro con la scritta "gourmet" 2.95 euro).

Il personale femminile del ristorante, rispettosissimo e compitissimo, per le informazioni fornitemi per poter riprendere l'autobus per la Valletta.si è meritata la mancia, un po' più di un canonico 10%,

Alle 14:15 ho già ripreso il cammino, qualche difficoltà nell'individuare la fermata del bus - per le strade della Cottonera fervono i lavori pubblici - superata con l'aiuto di un locale che aveva il mio stesso problema :-) Cambio di autobus al terminal de La Valletta e scendo in prossimità dell'Isola di Manoel (ma anche Isola del Vescovo) [mappa] nella città di Gzira (oppure il-Gzira che in maltese significa l'isola) tra Msida and Sliema.

night view of Valletta with the St. Pauls Cathedral and Charmelite Church at the twilight
Inizio la perlustrazione dell'isola che però sarà di breve durata perchè le strade di accesso al forte sono sbarrate. Deluso - volevo vedere come fosse lo skyline di La Valletta dall'estremità dell'isola - ritorno sui miei passi e proseguo costeggiando il Porto di Marsamuscetto (inglese Marsamxett Harbour).

Oramai la giornata volge al termine non mi resta che fare qualche foto dalle stesse posizioni della sera precedente.

night view of Sliema, near Valletta, is a city located on the northeast coast of Malta. It is a centre for shopping, restaurants and café life. Sliema is also a major commercial and residential area and houses several of Malta\'s most modern hotels
Ne tardo crepuscolo mi sposto nel centro commerciale Tignè Point, sulla promenade di Sliema, a fare qualche scatto fotografico.

Il centro commerciale Tignè Point è stato costruito in posizione spettacolare su un promontorio che si affaccia porto di Marsamxett ed è emblematico del volto turistico e commerciale di Sliema, St. Julians e Paceville.

Rientro all'Hotel Sliema Chalet e mi preparo per una botta di vita (si fa per dire :-) nel quartiere si Paceville a St. Julians dove si concentra la nightlife, la movida fatta di nightclubs, bars e pubs ed altri locali trendy come discoteche, disco pub e music live.

Le statistiche del GPS segnano altri 18 km comprensivi di trasferimenti con mezzi pubblici di superficie ed a piedi percorsi in 3:45:00.

Mangerò per strada una porzione di fish and chips (una fettona di pesce congelato fritto in una panella croccante e servito su un letto di patatone fritte, ottime, che mi hanno ricordato quelle che si comprano sul lungomare di Catania) - comprata da Govè's Plaice centralissimo vicino alla fermata della Baia di Spinola in Triq San Gorg, STJ Saint Julian'S di recente apertura al prezzo di 6 euro che se confrontato con la spesa del pranzo, ovviamente il servizio e la cornice hanno un costo, ma relativamente al gusto è stato più intrigante il fish and chips :-)

E' lunedì sera e non c'è molta confusione, girare da solo in posti del genere non è il massimo, ancora qualche divagazione e prima delle 21:30 sono all'hotel a preparare il bagaglio: domani faccio rientro.

A fine giornata le statistiche del GPS segnano altri 11 km comprensivi di trasferimenti con mezzi pubblici di superficie ed a piedi percorsi in meno di 2:00:00.

La Valletta, Malta - 4a parte

related royalty-free images on Shutterstock
related royalty-free pictures on Fotolia
related editorial photos on Istockphoto

No comments:

Post a Comment

Post a Comment